Dal 1 gennaio 2021 al via la Presidenza portoghese del Consiglio dell'UE

Il Consiglio dell'Unione europea è l'istituzione che elabora le priorità e gli orientamenti politici generali dell'Unione europea. È formato dai capi di Stato o di governo degli Stati membri, dal suo presidente e dal presidente della Commissione.

Nel 2009 il Trattato di Lisbona ha istituito un meccanismo a rotazione per la presidenza del Consiglio: ciascuno degli Stati membri dell'UE la esercita per un periodo di sei mesi. Durante ciascun semestre, la presidenza presiede, appunto, le riunioni a tutti i livelli nell'ambito del Consiglio (ad eccezione di quello degli Affari esteri), contribuendo a garantire la continuità dei lavori dell'UE all'interno al Consiglio e lo rappresenta nei suoi rapporti con le altre istituzioni dell'Unione.

Le presidenze sono organizzate in periodi di 18 mesi: in questo modo un "trio" formato da tre paesi  che collabora in modo molto stretto così da elaborare obiettivi di lungo termine e stabilire i temi e le questioni principali che saranno trattare dal Consiglio nel periodo di riferimento. Poi, nello specifico, ciascuno paese, al momento della presidenza, elabora un proprio programma per il semestre. Con il semestre che è andato 1 gennaio 2020 al 30 giugno 2020 la Croazia ha chiuso il periodo del trio formato con Romania (1 gennaio 2019 - 30 giugno 2019) e Finlandia (1 luglio - 31 dicembre 2019). Inizia il 1 luglio il semestre a guida tedesca, seguita, dal 1 gennaio 2021, da quella portoghese.

La Presidenza del Portogallo

"Tempo di agire: per una ripresa equa, verde e digitale" è il motto che ispira la presidenza e le priorità della presidenza portoghese del Consiglio europeo, iniziata il 1 gennaio 2021.

Si tratta di una presidenza, come è facile immaginare dato il peculiare momento che stiamo vivendo, incentrata sulla gestione della pandemia da Covid-19 e sulla ripresa dalla crisi che ne è scaturita. In particolare, questa si concentrerà su tre priorità, in linea con l'agenda strategica dell'UE:

  • rafforzare la resilienza dell'Europa
  • promuovere la fiducia nel modello sociale europeo
  • promuovere una ripresa sostenibile
  • accelerare una transizione digitale equa e inclusiva
  • riaffermare il ruolo dell'UE nel mondo, facendo in modo che sia basato sull'apertura e sul multilateralismo

La Presidenza portoghese si farà promotrice di una visione innovativa dell'Unione, una vistione che sia rivolta al futuro tenendo però bene presenti valori comuni quali solidarietà, convergenza e coesione. In questo senso, si impegna a svolgere il proprio ruolo con positività e flessibilità, così da promuovere la cooperazione, conseguire risultati tangibili nella ripresa economica e guidare l'Unione fuori dalla crisi.

Clicca qui per visitare il sito della Presidenza del Portogallo al Consiglio dell'Unione europea e qui per conoscerne nel dettaglio le priorità.
Il programma completto è scaricabile dalla barra a destra mentre da qui è possibile leggere un riassunto.

 

Ultimo aggiornamento: Mar, 12/01/2021 - 10:10